Le Notizie

Benedetto fallimento

10 febbraio 2021 in Formazione 0

P. Stefano Panizzolo, LC

Sacerdote, @stefanopanizzolo_lc

Viviamo in una società altamente competitiva, che spinge corpi e pensieri alla gara costante. Essa pretende risultati secondo i suoi esigenti standard e questi sarebbero poi la misura del successo personale o di un business. Ogni aspetto della vita può essere valutato e questo ti obbliga alla performance, a essere sempre efficiente e a correre veloce. Ci siamo convinti che il successo sia l’unico “posto abitabile” e siamo pronti a tutto pur di salire sul podio dei vincitori, tra applausi, soldi, riconoscimento e considerazione. In questa corsa folle all’auto-affermazione non c’è spazio per il fallimento, la crisi o l’inciampo.

Ma la vita è fatta di momenti: ci sono momenti nei quali hai la sensazione che “tutto ciò che tocchi diventi oro”, altri in cui sembra che ogni cosa che intraprendi si concluda nel fallimento. I momenti bui sono parte di questo cammino; quante volte abbiamo dovuto far fronte al crollo delle nostre aspettative, nelle quali avevamo investito tempo, denaro energia, entusiasmo.

Successo e insuccesso

Perché è sempre una possibilità il fallimento: in una relazione, in un progetto lavorativo, nel compito educativo. Esistono e coesistono questi momenti di luce e di ombra. Ecco perché ritengo che le categorie “successo” e “fallimento” siano fuorvianti quando riferite interamente alla esistenza di una persona. La vita è un continuo apprendistato: si cade mille volte e altre mille ci si rialza, con la possibilità ogni volta di essere una persona migliore.

Successo e insuccesso sono infine categorie fittizie perché cangianti a seconda della prospettiva con cui le si guarda e mutevoli nel trascorrere del tempo. Basti pensare all’esempio di san Paolo, prima della conversione. Saulo poteva ritenersi un uomo di successo secondo le categorie del tempo: primo trai farisei, riconosciuto e stimato, irremovibile nelle sue convinzioni e irreprensibile nell’osservanza della Legge. Eppure, tutto ciò che una volta poteva considerare un vanto, dopo l’incontro con Cristo, sarà per lui «come spazzatura» (Cfr. Fil 3, 5-9). Chi si considerava al primo posto si collocherà poi nella posizione più bassa: «Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto. Io infatti sono l’infimo degli apostoli, e non sono degno neppure di essere chiamato apostolo, perché ho perseguitato la Chiesa di Dio» (1Cor 15,8-9).

La caduta da cavallo di Paolo (in realtà le Scritture non ci dicono che sia davvero caduto da cavallo ma la scena è entrata nell’immaginario comune per via di un famoso dipinto) può essere emblematica di ogni disfatta, perché rappresenta l’infrangersi al suolo dell’idolo che crediamo di essere; è una caduta dalla fede nel nostro io. Il fallimento è l’incontro con qualcosa che non funziona; ma quello che drammaticamente non gira più si rivela allo stesso tempo come un’opportunità di trasformazione.

Leggi l’articolo completo della rubrica “Esercizi per l’anima” sul nr. 10 di Essere catechisti.

Commenti

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RIMANI AGGIORNATO SU NET!

Per ricevere le ultime novità e promozioni.

Per scaricare i materiali
devi essere registrato
Apparently we had reached a great height in the atmosphere, for the sky was a dead black, and the stars had