Le Notizie

Come essere un pessimo catechista in 5 mosse

24 ottobre 2018 in Think BIG! Think NET! 0

Avete mai letto Le lettere di Berlicche di CS Lewis ? È lo stesso autore de Le cronache di Narnia. In questo breve libro immagina il diavolo che scrive delle lettere a suo nipote dandogli consigli su come sedurre e tentare gli uomini. Con la stessa forma originale vogliamo parlarvi di cinque mosse per essere un pessimo catechista e, quindi, far andare tutto male.

  1. Come se Dio non esistesse

Evita di affidare a Dio il tuo lavoro, dimentica che “se il Signore non costruisce la casa, invano lavorano i costruttori”. Lavora da solo, punta sulle tue qualità, dimenticati che Gesù è il primo interessato a che tutto vada bene e che è Lui che ti ha chiamato ad essere catechista, affidandoti dei bambini, delle Sue anime. Prega poco.

  1. Il carisma dello stress

Lavora cercando solo i risultati immediati, proponi attività sempre nuove che facciano divertire i bambini. Cerca sempre di stupirli, emozionarli…  e dimentica di puntare su poche cose ma profonde come per esempio far fare loro l’esperienza dell’amicizia con Gesù.

  1. Sei tu il direttore dell’orchestra

Costruisci tutto su te stesso/a. Evita di delegare o di coinvolgere anche altri catechisti. Dimenticati del “buon pastore” ma inizia a pensare da manager. Controlla tutto, fino all’ultimo dettaglio. Fai in modo che tutto dipenda da te così quando tu smetterai di essere catechista, tutto quello che hai fatto venga meno.

  1. Lascia perdere, così impari

Evita di chiedere consigli o di imparare da quello che hanno seminato gli altri. Sperimenta sempre cose nuove, metti in dubbio le cose che hanno sempre funzionato. Punta su esperienze sentimentali e emozionanti, anche se superficiali.

  1. Dimenticati dell’efficacia

Non è importante fare le cose di qualità. Punta piuttosto sulla quantità. Non perdere tempo a formarti e a cercare la maniera giusta per trasmettere qualcosa ai bambini. Punta sulle nozioni, qualche gioco e poi “buttala in caciara”.

Siamo sicuri che molti di questi punti sono errori che tutti vogliamo evitare. Chiediamo a Gesù che ci renda sempre umili, miti e docili ai suoi insegnamenti. Chiediamogli che ci aiuti ad essere sempre disposti a tornare ad imparare perché siamo noi i primi a dover essere sempre ri-evangelizzati da Lui, per trasmettere poi la nostra esperienza anche ai bambini.

Commenti

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
RIMANI AGGIORNATO SU NET!

Per ricevere le ultime novità e promozioni.

Per scaricare i materiali
devi essere registrato
Apparently we had reached a great height in the atmosphere, for the sky was a dead black, and the stars had